10 dic 2009

A Putia ( l'osteria ) - Brucia la luna!!!!


Quelle parole, quella voce arrivavano ogni volta dritte al cuore! Era forte la voglia di uscire, affacciarsi e gridare al mondo intero quanto lo amava! ma sapeva gia', che se ancora una volta l'avesse fatto, il padre l'avrebbe mandata via di casa! ....Non sapeva,che se l'avesse fatto, avrebbe  dato un senso alla sua vita perchè l'errore più grande è RINUNCIARE!!!!.......Nascondersi, dietro quelle persiane, era l'unica soluzione per Maria,  gioire ancora di quel canto che arrivava dritto al cuore.
E cosi' anche stavolta, Alfio si fermo', ma non vedendola affacciarsi, canto' di rabbia e d'amuri.... nella speranza di intravedere lei, la ragazza di milli BIDDIZZI ( mille bellezze ) cosi' raccontava ai compaesani, e tra un bicchiere di vino ed un altro ancora  cercava i suoi occhi, il suo dolce viso......:


Brucia la luna n'cielu              -   Brucia la luna in cielo 

E ju bruciu d'amuri                      e io brucio d'amore
Focu ca si consuma                    fuoco che si consuma
Comu lu me cori                         come il mio cuore
L'anima chianci                           l'anima piange
Addulurata                                  addolorata
Non si da paci                             Non si da pace
Ma cchi mala nuttata                   Ma che mala notte
Lu tempu passa                          il tempo passa
Ma non agghiorna                       ma non diventa giorno
Non c'e mai suli                          non c'e' mai sole
S'idda non torna                        se lei non torna
Brucia la terra mia                     brucia la terra mia
E abbrucia lu me cori                e brucia il mio cuore
Cchi siti d'acqua idda                che sete d'acqua lei
E ju siti d'amuri                         e io sete d'amore
Acu la cantu                             a chi la canto
La me canzuni                          la mia canzone
Si no c'e nuddu                        se non c'e' nessuno
Ca s'a affacia                           che si affaccia
A lu barcuni                             al balcone
Brucia la luna n'cielu                 Brucia la luna in cielo
E ju bruciu d'amuri                   e io brucio d'amore
Focu ca si consuma                  fuoco che si consuma
Comu lu me cori                      come il mio cuore

IL Titolo : "A Putia" osteria in italiano possiamo paragonarla al nostro bar di oggi, certo non c'era il caffe' o la colazione dei tempi nostri, ma un bel bicchiere di vino ed un buon piatto andavano pure bene. Sicuramente la gente che la frequentava non era molto tranquilla, si vedeva spesso uscire persone ubriache, qualche rissa davanti alla porta, ma rientrava nella normalita'.
In questo caso la mia " PUTIA"  si trovava in un piccolo paese etneo, oggi un fiorente comune, Pedara. La Via Ara di Giove, oggi Corso, era una strada molto frequentata da tutte quelle persone che salendo da Catania o da altri paesi vicini andavano a vendemmiare tra le campagne limitrofe del posto.




E questa e' la versione cantata da kaballa':






Spero che sia stato tutto di Vs piacimento, grazie mille a chiunque e' passato in questo blog anche senza lasciare commenti!!! Grazie mille a  tutti quelli che mi seguono e mi sostengono!!!!

18 commenti:

  1. Molto bello il racconto dei due innamorati e ancora più bella è la tegola osteria che rappresenta molto bene la loro storia. Anche questa tegola è piena di particolari.......bellissima!!! Bravissimo come sempre!!!!!!
    Elfetta.

    RispondiElimina
  2. Aspettavo con ansia la nuova tegola e la nuova storia legata ad essa :-)
    Grazie per aver diviso con noi una nuova emozione e complimenti! :-)

    RispondiElimina
  3. ma grazie a te!
    grazi einfinite di quello che regali..una finestra su tempi andati ma una finestra viva ch enon profuma di malinconia!
    grazie di cuore
    notte
    azzurra

    RispondiElimina
  4. Mi posso definire la prima sotenitrice del tuo blog? Quanto tempo e' passato da quando abbiamo iniziato questa bella avventura nel mondo del blog!!!
    Ovviamente non posso mancare ad ogni post!!! Diciamo che sono la madrina!!!
    Qualunque tipo di lavoro fatto con sentimento da' sempre ottimi risultati!!!
    Prova a venderle anche online, come ti avevo suggerito, vedrai che avrai molte richieste...
    Ti auguro una buona giornata!!!

    RispondiElimina
  5. Complimenti, la tegola è bellissima ed incredibilmente realistica, guardarla riporta indietro nel tempo e questo mi affascina molto!!! Bellissimi e perfettamente eseguiti anche i particolari, Bravissimo!

    RispondiElimina
  6. Olá, olá
    Passei para espreitar e deixar um beijinho de bom fim-de-semana
    Que trabalho maravilhoso
    Teresa Vidinha

    RispondiElimina
  7. sono passata a sfrugugliare tra tegole e racconti (adoro i racconti e la poesia) tutto molto curato ma anche d'effetto bravissimo !!!
    Nina

    RispondiElimina
  8. era da un bel pezzetto che non vedevo news... ed ecco qua: un altro spettacolo denso di dettagli!!!
    Bravo e bravissimo come sempre!!!!!
    Laura

    RispondiElimina
  9. Ciao... Bellissima sia la storia che la tegola, veramente un grande lavoro! Complimenti. Bravo, bravo, bravo... PS: grazie mille delle visite e dei commenti, mi fa molto piacere! A presto.

    RispondiElimina
  10. Meravigliosa!
    Mi stupisci sempre di più!

    RispondiElimina
  11. Grazie di essere passato nel mio blog egrazie per il commento. Vedo che fai delle tegole bellissime. Anche io ogni tanto mi diletto a farne qualcuna. Ho letto la canzone in dialetto: quanto me piace...Sai sono di Roma ma mia madre sicula di Agrigento, quindi ho sempre questo legame con la splendida Sicilia.
    A presto

    RispondiElimina
  12. Sei molto bravo Melos, ed è molto originale questo connubio tra la tegola da te perfettamente realizzata e la sua storia e addirittura la canzone! Bello!!!

    RispondiElimina
  13. Era da tanto che non leggevo versi che mi commuovessero, è successo leggendo il tuo post!
    La tua creazione è magnifica, la guardo e nella mente vedo un paese ed una notte ruotarci intorno. Evocativa e suggestiva e tu sei un artista!
    Baciotti
    Sabrina
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  14. Wow che storia!! Moltointeressante l'abbinamento storia tegola. Si completano proprio. Che bella la tenda della finestra fatta tipo stuoia... che bravooo mi piace molto sembra proprio di ritrovarsi in un antico borgo siciliano.
    Buon natale e che l'anno nuovo nuovo ti porti tanta felicita!!

    RispondiElimina
  15. Bravissimo come sempre!!!
    Molto bello anche il racconto...
    Auguri per un sereno Natale a te e famiglia.
    Baci a Marica
    Annamaria

    RispondiElimina
  16. Hola Melos...estamos no Natal!!!
    Assim deixo-lhe um abraço e votos de um Natal especialmente Feliz para si e familia!
    Maria Lemos

    RispondiElimina
  17. Hola...he visto un enlce en nuestro blog y he venido a conocerlo; me ha maravillado el enorme trabajo que tienen todas tus tejas, son preciosas, cada una de llas tiene su encanto.
    Me alegro de conocerte y seguiremos visitandote.
    Felices fiestas.

    RispondiElimina
  18. Olre al fatto che anche questa tegola e' stupenda,...la poesia e' bellissima!!!

    RispondiElimina