08 feb 2010

'U Baccuni ( Il Balcone )

Grazie Grazie ed ancora Grazie...
Non smettero' mai ripeterlo, grazie a tutte le persone iscritte e non, che continuano a seguirmi ed a invogliarmi in quello che faccio.
Era da un po' che non scrivevo, ma non vedevo l'ora di ritornare fra voi, per presentarvi la mia ultima tegola ( anche se gia' ce ne sono altre 2 in fase di completamento ) che si intitola " U Baccuni" ( il Balcone ); tegola che purtroppo non fara' compagnia alle altre appese nelle mura di casa mia, ma bensi' ha preso il volo, se pur non molto lontano per altra destinazione. U baccuni, e' una tegola su richiesta, a cui ho inserito alcune nuove tecniche, che perfezionerò e che ho voluto provare per le future facciate.

Una delle novità e' stato il portone principale tagliato gia' a forma d'arco, oltre alla creazione della ringhiera fatta con stuzzicadenti. Non poteva mancare la presenza di un altarino, e il tappeto d'ingresso creato con la retina delle spugne per lavare i piatti.
Anche quest'ultimo lavoro e' frutto della mia immaginazione, anche in questo caso ho abbinato qualcosa........che non e' mai esistito........ ( una mia poesia )

In dialetto Siciliano )
Vulissi ancora viririti affacciata,                           
do baccuni tu mi paravi,                                     
e iu ti taliava,                                                       
l'occhi to s'alluminavunu                                       
ca luci di suli pareva,                                           
mentri iu chianceva....                                          
Chianceva d'amuri, di gioia e duluri                      
quannu tu non spuntavi na du baccuni.                  
Poi avanti e arreri, arreri e avanti,                        
signavi li iorna ca iu non passava,                         
picchi la terra mi chiamava...                                 
e ora ca sugnu ca,                                              
a to vuci non sentu chiu,                                     
lamenti ormai arrivunu a mia,                               
di la genti ca mi rissuru                                       
ca tu non si chiu mia.                                          
C'e' cu rici ca pattisti,                                         
c'e' cu affemma ca ti ni fuisti,                               
ma a cosa ca mi fa trimari                                  
e ca iu do baccuni non                                       
ti viru chiu spuntari......                                       


( Traduzione )
Vorrei vederti ancora affacciata,
dal balcone tu mi parlavi,
ed io ti guardavo,
gli occhi tuoi si illuminavano,
sembrava la luce del sole,
mentre io piangevo.....
Piangevo d'amore, di gioia e dolore
quando tu non spuntavi in quel balcone.
Poi avanti ed indietro, indietro ed avanti,
segnavi i giorni che io non passavo,
perchè la terra mi chiamava....
e ora che sono qua,
la tua voce non sento piu',
solo lamenti sento,
della gente che mi dice
che tu non sei piu' mia.
C'e' chi dice che sei partita,
c'e' chi conferma che sei fuggita,
ma la cosa che mi fa tremare
e che io dal balcone non
ti vedrò piu' arrivare.......







16 commenti:

  1. Preciosa esta teja, como todas las tuyas. Y todos los pequeños detalles que le has puesto. Felicidades

    RispondiElimina
  2. E' bellissimaaaa!!!!!!!!! Qualunque sia questa nuova tecnica, ti è riuscita perfettamente!!! E' molto triste separarsi dalle proprie creazioni perchè in ognuna di loro c'è un pezzetto del nostro cuore, almeno per me è così!!

    RispondiElimina
  3. Bravo... anzi bravissimo, molto originale l'idea dello zerbino e della ringhiera con lo stuzzicadenti. Ciao Melo

    RispondiElimina
  4. Una parete di casa tua è completamente ricoperta di queste tegole??? Che bello! *.*
    E che meraviglia poter camminare tra questi scorci, immaginando la storia di ognuno di loro! :-)
    Rinnovo i miei complimenti e ti ringrazio per avermi regalato un'altra emozione :-)

    RispondiElimina
  5. che belle ma possono servire anche come casette per gli uccelli???
    complimenti sono ottimi lavori

    RispondiElimina
  6. Ciao! Sono venuta a curiosare sul tuo blog. Complimenti per la tua creatività, ma soprattutto perchè leggerti non è solo leggere un blog ma entrare in un'altra "dimensione"...

    RispondiElimina
  7. Bellissima la tegola e bellissima la poesia! Mi piace "leggerti" e ammirare i tuoi lavori! hai la dote rara di unire creatività, tecnica e poesia. Complimenti

    RispondiElimina
  8. Bentornato!!! Che bello vedere il tuo Post tra quelli che dovevo ancora leggere da qualche giorno! Bella sorpresa, ma soprattutto complimenti per questa ennesima magia che hai creato... eh, sì, perchè le tue tegole fanno volare l'immaginazione!
    Complimenti ancora!
    Laura

    RispondiElimina
  9. devo farti i miei complimenti sia come artista che come simpatia.Ho letto la poesia senza vedere dopo la traduzione;non ne avevo bisogno, essendo siciliana di origine, e mi ha commosso tantissimo.
    un abbraccio
    Lella

    RispondiElimina
  10. Complimenti, questa tegola è decorata a regola d'arte e come tutte le espressioni artistiche sa trasmettere qualcosa.... io che sono siciliana mi ritrovo nei vicoli di paesini che ancora tengono in vita le vecchie tradizioni... ed è molto attinente al tema dei sapori antichi anche la poesia che l'accompagna, bravissimo!

    RispondiElimina
  11. Ciao Carmelo, ti ho visto tra i miei sostenitori (a proposito, grazie!) e sono venuta a vedere il tuo blog: tutto mi sarei aspettata tranne che di trovarmi di fronte a queste, lasciamelo dire, opere d'arte!!! Ma sei bravissimo!!! E tralaltro sono anche orgogliosa del fatto che un tale artista è anche un mio conterraneo: avrai notato che sono siciliana anch'io (prov. Enna) però nata nel catanese, eh? (^_^)
    Sono entrata anch'io tra i tuoi sostenitori, non voglio perdermi le tue creazioni!
    Ciao

    RispondiElimina
  12. caro carmelo, allora l'impasto ke ho fatto io è da noi lo kiamiamo "pasta olio e vino" si fa senza lievito, dentro c'è carne macinata soffritta, uova formaggio, ricotta, emmenthal a fette o a pezzi!!!!
    spero ke ti piace!!!!!
    xoxo

    RispondiElimina
  13. Ciao Carmelo, sempre bellissime le tue tegole, ma ancora più belle le parole d'amore di quel ragazzo innamorato. Mi piace moltissimo il siciliano, infatti uno dei miei autori preferiti è Camilleri.
    Un abbraccio ed ancora mille complimenti per l'originalità delle tue creazioni.
    Bruna

    RispondiElimina
  14. Splendida...la poesia è bellissima, complimenti.
    Attendiamo di vedere le tue nuove creazioni.
    Un abbraccio
    Annamaria

    RispondiElimina
  15. MUY LINDOS DETALLES. EL TENDEDERO DE ROPA ESTA GENIAL Y LA ALFOMBRA QUE CREASTE CON LA ESPONJA VERDADERAMENTE INGENIOSA. DEJAS IMPRESO EN TUS CREACIONES LA PASIÓN POR EL ARTE. FELICIDADES!!!
    BESITOS! MARISELA:)

    RispondiElimina
  16. Ciao Carmelo,ti trovavo spesso nei blog che seguo e sono stata molto curiosa di conoscere il tuo blog,ed eccomi qua.....be sono senza parole le tue creazioni sono meravigliose!!!!!!!!!!!!!!!la poesia bellissima,complimenti,sono nei tuoi sostenitori non voglio perdere più niente......ciao

    RispondiElimina